Pozzo di Corte Gheltof o Loredan

0
316
Pozzo di Corte Gheltof o Loredan - Cannaregio

Pozzo di Corte Gheltof o Loredan

Vera: in pietra d’Istria di forma cilindrica con una grossa cornice quadrata. Base: inesistente. Copertura: con terra.

Corte Gheltof o Loredan La corte prende il nome dall’omonimo palazzo quattrocentesco con affaccio sul Rio de la Misericordia. Famiglia Gheltoff. Ha questa famiglia il suo principio da Giovan Francesco vivente di casa Anniox, di nazione Fiammingo, di patria d’Anversa, figlio di un sarto. Questi capitato sopra una nave di marinaro Gheltoff mercante pur Fiammingo ricchissimo abitante in Venezia, ebbe la buona sorte esser ricevuto dal medesimo in casa per servitore. Si affezionò il Gheltoff alla fede e all’abilità del Anniox, e lo fece giovine di studio invece d’uno, di cui convenne sbrigarsi. Aveva egli intanto avute due figlie illegittime da una sua donna, quale sposò fatto vecchio; e morta una di queste, caduta giù da un balcone del teatro di San Giovanni Grisostomo, pensava maritar l’altra; la quale, come doveva portar in dote gran tesoro, come era l’eredità del padre; cosi era desiderata anche da qualche Veneto Senatore. Ma l’Anniox accorto guadagnò con denari un Ebreo, per cui aveva il Gheltoff tutta la confidenza et il credito: gli fece il medesimo insinuar il matrimonio della figlia con sé stesso. Tanto seppe dir l’Ebreo, e tanto operò nel cuore del vecchio Gheltoff la fortuna dell’Anniox, che l’antepose a tutti gli altri partiti, e gli diede in moglie la figlia, lasciandoli eredi nel testamento, con i loro discendenti, dei suoi tesori e del suo cognome; colla pensione di dover spendere grossa somma di soldo in qualche nobile investito, subito che con due maschi vedesse stabilita la casa. Interpretò Giovanni Francesco l’intenzione del suocero per la Nobiltà; et offerì sotto il ricco cognome di Gheltoff al pubblico nelle ultime angustie della guerra di Morea i 100 mila ducati, e fu accettato Nobile Veneto dal Senato con voti 175 dei si, 28 di no e 3 non sinceri il 1697, 22 settembre. (1)

(1) Libro dei Nobili Veneti ora per la prima volta messo in luce. Tipografia delle Murate. Firenze 1866

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.