Le porte di casa Bellotto, in Salizada Sant’Antonin

0
328
Spioncino su una porta di casa Bellotto. Salizada Sant'Antonin. Sestiere di Castello

Le porte di casa Bellotto, in Salizada Sant’Antonin

Umbero Bellotto è stato il più affermato artista del ferro veneziano della prima metà del Novecento. Il suo successo nel corso degli anni venti e trenta del secolo scorso venne confermato dall’appellativo di “mago del ferro battuto“, o di quello di “fabbro di Mussolini” per la sua attività di arredatore di alcuni Ministeri a Roma nel corso del ventennio fascista.

La casa del Bellotto, in Salizada Sant’Agostin, che fungeva anche da officina e da bottega per l’espozisione dei suoi prodotti, conserva ancora le tre porte di accesso originarie. La porta al civico 3490, che nelle parti lignee riprende il portale della Ca’ d’Oro, è decorata con inserti in ferro battuto e presenta al centro, all’altezza dello spioncino, un motivo decorativo con un occhio stilizzato e, poco sotto, un battente a forma di zampa di uccello rapace. La porta a doppia anta al civico 3489 è di legno con battenti in ferro, ai lati della porta si aprono due aperture ovali parzialmente coperte da grate: quella di destra raffigurante un cesto di frutta, quella di sinistra è composta da segmenti curvi e retti con al vertice una punta. La terza porta al civico 3488 è di legno con borchie di ferro. (1)

(1) Matteo Fochessati. Umberto Bellotto. Interventi pubblici e privati a Venezia e al Lido

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.