Il Giardino Scarpa di Palazzo Querini Stampalia, a Santa Maria Formosa

0
1546
Il Giardino Scarpa di Palazzo Querini Stampalia, a Santa Maria Formosa - Castello

Il Giardino Scarpa di Palazzo Querini Stampalia, a Santa Maria Formosa

 La Fondazione Querini Stampalia è una delle testimonianze di casa-museo meglio conservate d’Europa. La fondazione, nata nel 1868 per volere dell’ultimo erede, custodisce l’intero patrimonio della prestigiosa famiglia veneziana Querini Stampalia. Tra il 1961 e il 1963 l’architetto Carlo Scarpa ha eseguito importanti interventi di restauro, che si distinguono anche per il protagonismo assegnato all’acqua: dal canale su cui si affaccia il palazzo, entra nell’edificio attraverso paratie che corrono lungo i muri interni; nel giardino si trova un’ampia vasca a più livelli in rame, cemento e mosaico e in un piccolo canale ai cui estremi si trovano due labirinti scolpiti in alabastro e pietra d’Istria. A parte l’acqua, l’opera del grande maestro dell’architettura italiana del ’900 si articola su quattro temi: il ponte, che rappresenta il più leggero arco di collegamento realizzato a Venezia negli ultimi secoli; l’entrata con le barriere di difesa dalle acque alte; il portego e il giardino. Il tipico cortile veneziano è stato trasformato in un incantevole hortus conclusus, reinterpretando le tradizioni arabe e giapponesi. Al centro di un tappeto erboso geometrico sono stati impiantati un ciliegio (Prunus avium), una magnolia (Magnolia grandiflora) e un melograno (Punica granatum). Tutt’intorno si trovano macchie di rampicanti e cespugli da fiori che completano l’arredo vegetale. Un forte legame con il passato e con la tradizione veneziana è dato dalla presenza di un’antica vera da pozzo, un leone gotico, dei capitelli e due fontane. (1)

(1) https://luoghi.italianbotanicaltrips.com/fondazione-querini-stampalia-giardino-scarpa/

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.