Ponte Erizzo, sul Rio de Cà di Dio

0
501
Ponte Erizzo, sul Rio de Cà di Dio - Castello

Ponte Erizzo, sul Rio de Cà di Dio. Calle Erizzo – Fondamenta del Piovan o Erizzo

Ponte in pietra; struttura in mattoni e pietre, balaustre in mattoni. Su un fianco del ponte, al centro dell’arco, tre stemmi in pietra di Provveditori di Comun, sull’altro fianco resti di un leone marciano scalpellato.

ERIZZO (Ramo primo, Calle, Ramo, Corte) alla Maddalena. Il palazzo Erizzo, che ha il prospetto sul Canal Grande, è di stile archiacuto, e sembra eretto nel secolo XV. In esso si scorgono alcune pitture del cav. Celesti, rappresentanti i fatti di Paolo Erizzo, martire della patria.

Era Paolo podestà di Calcide, ed assediato nel 1469 dai Turchi si arrese, salva la vita, ma, per ordine di Maometto II, fu fatto segare per mezzo. Si dice pure che Anna, figliuola di Paolo, donzella di singolare bellezza, condotta, dopo la morte del padre, innanzi il medesimo Maometto, sprezzasse con animo invitto le di lui libidinose proposte, sicché il tiranno di propria mano la trucidasse. Alcuni storici moderni però hanno messo qualche dubbio, e non senza fondamento, sull’esistenza di questa eroina. In ogni modo né Paolo né Anna possono essere nati, come vorrebbe il Zanotto, in questo palazzo della Maddalena, poiché esso, come è provato dagli estimi, e dallo stemma tuttora visibile nell’interno cortile, apparteneva anticamente ai Molin, e pervenne negli Erizzo in virtù soltanto del matrimonio contratto nel 1650 fra Giacomo Erizzo e Cecilia Molin. La famiglia Erizzo venne dall’Istria nell’805, e già nel 1050 era del Consiglio. Vanta un doge por nome Francesco, eletto nel 1631, il quale nel 1633 si fece erigere un ricco mausoleo nella chiesa di San Martino ove, venuto a morte nel 1646, fu tumulato con la propria armatura.

Altre vie presero il nome dalla famiglia Erizzo, fra cui giova rammentare il Ponte, Calle, o la Calle dietro Erizzo a San Martino, vie prossime al palazzo ove nacque il doge Francesco. In questo palazzo si radunava l’accademia Erizzo fondata da prima in casa Farsetti, e quindi nel 1787 qui trasportata per cura dei NN. UU. Andrea e Guido Erizzo, i quali ne erano soci. Tale accademia, che si occupava in economia politica e giurisprudenza, durò sino all’ estinguersi della Veneta Repubblica. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.