San Gregorio Magno in cattedra, altorilievo sopra il portale d’acqua dell’Abbazia di San Gregorio

0
2006
San Gregorio in cattedra. Abbazia di San Gregorio. Sestiere di Dorsoduro

San Gregorio Magno in cattedra, altorilievo sopra il portale d’acqua dell’Abbazia di San Gregorio

L’edicola costituita da due semicolonne tortili e capitelli lavorati sostenenti due semplici falde (senza pennacchi e foglie); al colmo delle falde cespo con soprastante braccio di lampada in metallo per l’illuminazione. All’interno della nicchia San Gregorio (visto frontalmente) in cattedra, con la mano sinistra nell’atto di benedire e con la destra sostenente libro aperto sulle ginocchia. Ai fianchi dei piedi del santo sono scolpiti due scudetti; quello a sinistra riporta l’emblema dell’abbazia quello di destra ha superficie abrasa (conteneva un leone). (1)

Le origini dell’Abbazia risalgono ai primi periodi della storia veneziana. Nell’anno 897 abbiamo notizia che esisteva già la chiesa di San Gregorio e apprendiamo che essa era soggetta alla giurisdizione degli Abati Benedettini del monastero di Sant’Ilario. Distrutto questo da Ezzelino nel XII secolo, i Benedettini si ricoverarono in San Gregorio ove rimasero fino al 1450.

Dopo quest’anno il monastero passò in commenda di Abati che si chiamavano commendatori. Nella metà del secolo decimottavo la commenda fu soppressa e la comunità religiosa ridotta a parrocchia. Nel 1808 badìa e tempio furono destinati ad uso profano. Il tempio, che conteneva preziosi dipinti del Tintoretto, e che custodiva la pelle di Marcantonio Bragadin, l’eroe di Famagosta, scorticato vivo dai turchi nel 1571, fu destinato a uso della zecca per la raffineria dell’oro, poi passò al Demanio e usato come deposito di legna. L’Abbazia fu ridotta per abitazioni private.

La chiesa, che aveva già subito parecchi restauri, specialmente dopo un violentissimo incendio avvenuto nel 1105, fu ricostruita dall’abate Fridiano, morto nel 1342. Il Fridiano ampliò anche il monastero e a lui si deve, secondo lo Zanotto, la costruzione del magnifico cortile. (2)

(1) https://catalogo.beniculturali.it/detail/HistoricOrArtisticProperty/0500577987

(2) Il secolo 20. Rivista popolare illustrata.

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.