Famiglia Erizzo

2
3083
Stemma della famiglia Erizzo. Famiglie Venete con le loro armi. Biblioteca Estense universitaria

Famiglia Erizzo

La famiglia Erizzo, per attestazione concorde di tutti i cronicisti, venne dall’Istria, nell’805, a por stanza in Venezia, e fu ascritta al Maggior Consiglio l’anno 1050, nella persona di Pietro, che servito aveva con fedeltà e valore nella guerra per il riacquisto di Zara. Concorse, con altre famiglie, alla erezione delle chiese di Santa Muria Zobenigo e dei Santi Apostoli, e dal suo seno uscirono parecchi magistrati cospicui ed uomini illustri. (1)

Paolo Erizzo era podestà di Calcide, ed assediato nel 1469 dai Turchi si arrese, per avere salva la vita, ma, per ordine di Maometto II, fu fatto segare per mezzo. Dicesi pure che Anna, figliuola di Paolo, donzella di singolare bellezza, condotta, dopo la morte del padre, innanzi il medesimo Maometto, sprezzasse con animo invitto le di lui libidinose proposte, sicché il tiranno di propria mano la trucidasse. Alcuni storici moderni però hanno messo qualche dubbio, e non senza fondamento, sull’esistenza di questa eroina. (2)

Quattro scudi, di poco diversi, porta il Coronelli nel suo Blasone appartenenti a questa casa; ma il più comune è però quello recante, in campo azzurro, una banda d’oro, caricata di un riccio nero, e della lettera E in carattere gotico, nelle quali due figure è simboleggiato il cognome Erizzo. (1)

(1) Il Palazzo Ducale di Venezia Volume IV. Francesco Zanotto. Venezia MDCCCLXI

(2) Giuseppe Tassini. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. Tipografia Grimaldo Venezia 1872

I dogi della famiglia:

Francesco Erizzo. Doge XCVIII. — Anni 1631-1646

Dall’alto in basso, da sinistra a destra: Calle Zoccolo, 2505 (Cannaregio) – Calle Magno, 2691A (Castello) – Calle de le Botteghe, 3182 (Dorsoduro) – Calle de le Botteghe, 3186 (Dorsoduro) – Calle Magno, 2691 (Castello) – Rio de la Sensa, 2510 (Cannaregio).

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

2 Commenti

  1. Buona sera.
    Non vorrei essere indiscreto ma nel vostro articolo sul Doge Francesco Erizzo vi è un errore sulla data di nascita.
    Il doge è nato nel 1566 e non nel 1666.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.