La Madonna olandese, nella Chiesa di Santa Sofia

0
519
Madonna col Bambino. Chiesa di Santa Sofia. Sestiere di Cannaregio

La Madonna olandese, nella Chiesa di Santa Sofia

In un’edicola, sul lato sinistro della navata, scavata entro il muro è stata collocata una Madonna col Bambino in pietra, qui trasferita dalla sacrestia. La policromia moderna l’ha rovinata in parte. Già nel 1947 il Mariacher aveva proposto come autore Giovanni Bon, oggi invece il giovane studioso tedesco W. Wolter ha dimostrato, con argomenti convicenti, di poterla ascrivere, se non proprio al fiammingo Andrea Beauneveu, certo alla sua cerchia.

Non sappiano quando sia stata lavorata: è sicuro che non fu eseguita a Venezia, poiché è pietra arenaria molle, non usata mai a Venezia. La sua attuazione non si stende molto al di sotto dell’ultimo Trecento. Non si consta neppure donde provenga.

E’ stata donata alla chiesa di Santa Sofia dalla famiglia Colombo, che la conservava in casa, come le altre statue della soppressa chiesa dei Servi. Sfortuna vuole che di questa chiesa manchi la descrizione delle statue. Lo studioso tedesco richiama l’attenzione sulla dolcezza dell’ovale del viso, sulla vivacità del ricco drappeggio, sul senso di quieta adorazione che trapela dal volto della Vergine, sulle sue ombre profonde, sul contrasto tra la tenerezza dello sguardo e il drappo solenne. In effetti ci troviamo innanzi ad un capolavoro della scultura olandese: tanto più pregiato quanto meno frequente nell’area lagunare. (1)

(1) Antonio Niero. La Chiesa di Santa Sofia in Venezia. Filippi Editore – Venezia

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.