Rio Terà Antonio Foscarini, sul Rio de Sant’Agnese

0
997
Rio Terà Antonio Foscarini, sul Rio de Sant'Agnese - Dorsoduro

Rio Terà Antonio Foscarini, sul Rio de Sant’Agnese

Il Rio Terà Antonio Foscarini venne realizzato nel 1838 mediante l’interramento del Rio de Sant’Agnese. Il Rio de Sant’Agnese partiva dal Canal Grande e con un percorso perfettamente rettilineo, da nord a sud, si immetteva nel Canale de la Giudecca. L’interramento del 1838 interessò il Rio de Sant’Agnese dal Canal Grande fino alla cavana della sacrestia della Chiesa di Santa Maria del Rosario o Gesuati, trasformando il resto del canale in un rio morto. Quest’ultima parte del rio venne interrata nel 1864 e l’interramento prese il nome di Rio Terà dei Gesuati. Il Rio de Sant’Agnese aveva due ponti; il Ponte del Doge che lo attraversava all’altezza della Calle Larga Pisani, un altro di legno poco prima della Chiesa di Sant’Agnese. Aveva due fondamente, una ad est che lo seguiva per quasi tutto il suo corso, l’altra più piccola ad ovest che andava dalla Calle Balecca (ora scomparsa) al ponte di legno. (1)

Antonio Foscarini Desta compassione il fatto di un Antonio, uscito dalla famiglia Foscarini, il quale, frequentando di notte tempo la casa della contessa inglese Anna d’Arundel, ed accusato di aver colà secreti colloqui con gli esteri diplomatici, venne strozzato in prigione nel 1622, ma poi si scoprì la di lui innocenza, del che la Repubblica volle dare solenne testimonianza con iscrizione posta nella chiesa di Sant’Eustachio. Samuele Romanin, nella sua Storia documentata di Venezia ebbe il merito di avere il primo sceverato dalle favole, e posta in piena luce questa tragedia. Antonio Foscarini non era però della linea dei Carmini, ed abitava, come altrove abbiamo detto, a Sant’Agnese. (2)

(1) Cfr. La Pianta di Venezia di p. Vincenzo Maria Coronelli (1697) e la Pianta della città di Venezia di Ludovico Ughi (1729)

(2) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.