Ponte de le Do Spade sul Rio de le Becarie

0
1257
Ponte de le Do Spade sul Rio de le Becarie - San Polo

Ponte de le Do Spade sul Rio de le Becarie. Calle del Capeler – Calle de le Do Spade

Ponte in ferro; struttura in ferro, balaustre in ferro.

SPADE (Ponte, Ramo delle) a San Matteo di Rialto. L’osteria all’insegna delle Spade, che qui presso esisteva, era molto antica, perché si legge che un Carlo de Zuane hosto al segno delle Spade era nel 1488 gastaldo della confraternita degli osti, solita allora a radunarsi nella chiesa di San Matteo. Anche Marin Sanuto nomina l’osteria della Spada, o delle Spade, a Rialto, sul rio delle Beccherie. Ed il catasto del 1566 insegna che l’osteria delle do spade a San Matteo, con due botteghe sottoposte, apparteneva allora alla famiglia Foscari, ed era appigionata ad uno ostiere di nome Battista.

Una sera di carnevale del 1745 un gentiluomo di casa Balbi, e quel Giacomo Casanova, altre volte in quest’opera menzionato, adocchiarono una bella popolana da San Giobbe che stava bevendo col marito e con altri due amici in un magazzino alla Croce. Idearono tosto d’averla ai loro voleri, e, sotto colore di essere pubblici funzionari, imposero al marito ed agli amici di seguirli in nome del Consiglio dei X fino all’Isola di San Giorgio. Piantati colà quei poveri gonzi, ritornarono a Venezia, e ritrovarono a Rialto la donna, che avevano lasciato a guardia di alcuni loro compagni. Allora la condussero all’osteria delle Spade ove cenarono, e si diedero buon tempo con essa tutta la notte, dopo che la rimandarono a casa. Ciò ci viene raccontato nelle sue Memoires dallo stesso Casanova, al quale lasciamo tutta la fede del racconto, quantunque il fatto non ci sembri improbabile, né sia stato il primo di tal genere avvenuto nella corruzione generale, serpeggiata in tutto lo classi sociali negli ultimi tempi della Repubblica. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.