La Batèła a coa de gàmbaro

0
307
La Batèła a coa de gàmbaro sul Rio de la Madonna de l'Orto

La Batèła a coa de gàmbaro

Apparteneva alla famiglia delle batèłe, che si differenziavano tra di loro dalla lunghezza e dalla stazza (batèle e batèloni), ma due erano le più conosciute: la batéla buranèła e la batèła veneziana detta a coa de gàmbaro, la prima con la poppa a specchio inclinato, la seconda con poppa rotonda e con l’asta alta e rientrante. La batèla era asimmetrica e inclinata sul lato destro, come le gondole e i puparìni, per correggere il peso del vogatore, che stando in piedi sulla coperta di poppa, sbilanciava la barca a sinistra. La batèla buranèła iniziò a scomparire negli anni ’60 soppiantata dai mototopi a motore. (1)

(1) GIANFRANCO MUNEROTTO. La batèla umile protagonista. Mare di Carta (Venezia, 2001)

La prima foto mostra un modellino di batèa a coa de gàmbaro di proprietà dello squerariòlo Alcide Battistin, con le mostrine gialle e rosse probabilmente del fitabatèle Navarbi Giovanni detto Nino, sul Rio de San Boldo, in Corte Mariani.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alcide Battistin & Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.